10% DI SCONTO CON IL CODICE 10DISCOUNT ALL'ACQUISTO. SOLO FINO A DOMENICA 30 GIUGNO.

About Takashi Murakami's Limited Editions - artetrama

A proposito delle edizioni limitate di Takashi Murakami

, 5 tempo di lettura minimo

Le edizioni limitate di Takashi Murakami sono molte, anche se le loro caratteristiche variano notevolmente da una all'altra. L'ampia varietà di temi, dimensioni, tecniche e tirature fa sì che Murakami abbia un gran numero di collezionisti accaniti e fedeli.

Le sue edizioni più comuni sono quelle prodotte in tirature di 300 copie e sono realizzate in litografia offset con diverse finiture. Che si tratti di Mr. DOB, Kaikai Kiki, fiori sorridenti, teschi colorati, Flower Balls, autoritratti... tutta questa iconografia, così caratteristica dell'opera di Takashi Murakami, è a disposizione del pubblico grazie al suo lavoro grafico.

In Artetrama lavoriamo con l'opera grafica di Takashi Murakami da più di 10 anni, e in tutto questo tempo possiamo dire che ci sono tre aspetti del lavoro di questo artista giapponese che i nostri clienti ci hanno consultato di più. Si tratta della data, della firma e della tecnica.

La data:

Ogni singola copia pubblicata da Takashi Murakami presenta, oltre alla firma e alla numerazione, un'iscrizione con il copyright dell'immagine. Questo copyright, che di solito si trova in fondo all'opera, contiene il titolo dell'opera e una data. Questa data si riferisce all'anno in cui l'immagine riprodotta in quell'edizione è stata creata e brevettata. La data che le gallerie e le case d'asta forniscono come informazione sull'opera è la data di pubblicazione dell'edizione limitata, che di solito non corrisponde alla data che appare sul copyright della litografia offset, della serigrafia o della stampa a pigmenti d'archivio in questione. In altre parole, la data fornita dai professionisti è la data di creazione dell'edizione limitata su cui si basa l'immagine, non la data del copyright, che potrebbe avere una data precedente.


BOKAN- Camouflage Pink (2013)

La firma:

Come appena detto, tutte le opere grafiche di Takashi Murakami sono firmate e numerate da lui stesso. A un certo punto, un collezionista di Murakami inizierà a confrontare le opere e si renderà improvvisamente conto di qualcosa di strano: le firme sono diverse! Sì, la firma di Takashi Murakami si evolve da uno scarabocchio più o meno leggibile a grandi cicli.

Nei suoi primi lavori, Takashi Murakami si limitava a imprimere il suo nome di battesimo, Takashi, insieme all'anno. Dal 2001 al 2004 la sua firma, relativamente leggibile, è cambiata in una simile ma più fluida. Il primo cambiamento evidente nella sua firma avviene nel 2005, quando diventa una linea ondulata. La linea tende ad appiattirsi, ma in generale rimane la stessa fino al 2010. Questa firma lineare si è rivelata utile nel periodo 2005-2010, poiché la seconda metà di quel periodo segna l'inizio di una maggiore produzione.

Takashi Murakami utilizza questo tipo di firma fino al 2011, ma alcune opere dell'inizio del 2011 segnano il passaggio dalla linea ad anello a una firma composta unicamente da anelli, che da allora predomina nelle sue edizioni. Nel 2020, la firma ad anello viene mantenuta per le sue litografie offset, ma è a questo punto che Murakami effettua un altro cambiamento. Come possiamo vedere nella sua nuova serie di stampe a pigmenti d'archivio e di serigrafie, la sua firma ritorna all'immagine lineare, ma incorporando una grafica al centro.


And then, and then and then and then and then (2006)


Kansei: Korin Red Stream (2010)


Flower Ball: Burning Blood (2018)


A fork in the road (2020)

Tecnica:

La natura enigmatica di Murakami contribuisce notevolmente alla sua crescente popolarità. È ossessionato dall'allevamento di scarafaggi, dal suo cucciolo Pom, dal Giappone tradizionale, dagli effetti della Seconda Guerra Mondiale in Giappone e dalla cultura pop internazionale. Questo amalgama di interessi rende il suo processo creativo molto dinamico, ma non privo di effetti collaterali. In molte occasioni, la sua ossessione per la perfezione ha fatto sì che i suoi fan attendessero con impazienza opere in ritardo di mesi, come nel caso della serie Kansei.

Sebbene il processo di creazione delle edizioni limitate di Takashi Murakami nella sua fabbrica Kaikai Kiki sia un mistero, alcune tecniche sono ricorrenti in molte delle sue edizioni. Le edizioni più comuni sono limitate a 300 copie, tutte litografie offset, ma nelle loro descrizioni compaiono altre tecniche come la stampa a freddo o a caldo, l'uso dell'argento o della vernice UV.

La stampa a caldo consiste nell'applicare una lamina metallica alla carta con pressione, calore e una taglierina. In contrasto con questo metodo di stampa a caldo, esiste un'opzione di stampa a freddo che funziona applicando il foglio (carta metallizzata) come se fosse un inchiostro. Il processo di stampa a freddo si presta a sfumature e mezzitoni, a differenza della tradizionale stampa a caldo.

Grazie alla stampa a freddo, molte delle opere di Takashi Murakami hanno quegli sfondi dorati o argentati che gli piacciono tanto e che si rifanno alla pittura tradizionale giapponese. Opere come "The Golden Age: Hokkio Takashi" o "Kyoto: Korin" sono esempi di stampa a freddo, che si nota nei dettagli o negli sfondi dorati o argentati. Quando si fa riferimento all'uso dell'argento, le opere di Murakami assumono un carattere perlaceo che predomina, ad esempio, nelle edizioni limitate "And then...", negli autoritratti come "I met a panda family" or "A space for philosophy" o nel dittico "Homage to Francis Bacon (Study for Head of Isabel Rawsthorne and George Dyer)".


"The Golden Age: Hokkio Takashi" (2016)

I met a Panda Family (2013)

In sintesi, potremmo dire che un collezionista di Murakami può scegliere quali pezzi acquistare in base a molteplici fattori, come abbiamo detto all'inizio di questo articolo. L'opera di questo artista giapponese è così ampia e variegata che diventare un esperto è una bella sfida!

Blog posts