El Paso: From tradition to the avant-garde - artetrama

El Paso: Dalla tradizione all'avanguardia

, di Artetrama, 4 tempo di lettura minimo

Di tutti i gruppi di artisti che si sono formati in Spagna nel XX secolo, possiamo dire che El Paso, insieme a Dau al Set, è senza dubbio il più importante in termini di definizione dell'avanguardia spagnola. Per capire le origini che hanno portato a questa formazione dobbiamo prima capire quale fosse la situazione della società spagnola alla fine degli anni Cinquanta.

Di tutti i gruppi di artisti che si sono formati in Spagna nel XX secolo, possiamo dire che El Paso, insieme a Dau al Set, è senza dubbio il più importante in termini di definizione dell'avanguardia spagnola.

Per capire le origini che hanno portato a questa formazione dobbiamo prima capire quale fosse la situazione della società spagnola alla fine degli anni Cinquanta. Erano passati molti anni dalla fine della Guerra Civile e la dittatura franchista stava governando il Paese. Ma fino ai primi anni '50 la Spagna era ancora sotto un isolamento internazionale, poiché lo Stato era legato nelle sue politiche all'"asse del male" durante la seconda guerra mondiale. Questo portò la Spagna a un'autarchia finita grazie a un'alleanza con gli Stati Uniti contro l'Unione Sovietica. La Spagna aveva una posizione geografica chiave e quindi era un punto strategico durante la Guerra Fredda.

Alla fine degli anni '50 la Spagna cominciò a intravedere scorci di una ripresa economica non trascurabile per una sottoclasse ancora troppo ampia.

All'interno della scena culturale, era un periodo di vuoto perché molte gallerie avevano chiuso e la maggior parte dei commercianti e dei collezionisti sembrava essere scomparsa. La crisi politica e sociale aveva lasciato il mondo della cultura fermo e senza attività pubblica.

Non c'è da stupirsi che alcuni giovani artisti, stanchi di questa situazione di povertà culturale, si siano uniti per rinvigorirla. Questi creatori, provenienti da diverse parti della Spagna e ognuno con il suo stile particolare, avevano la stessa consapevolezza vendicativa e la stessa necessità di lottare per spingere l'evoluzione della plastica spagnola.

E così, nel 1957, si formò El Paso. Gli artisti Antonio Saura, Manuel Rivera, Rafael Canogar, Juana Francés, Manuel Chirino, Luis Feito, Manuel Millares e Pablo Serrano, insieme ai critici d'arte e agli artisti Manuel Conde e José Ayllón firmarono un manifesto che definiva la loro attività. Poco dopo Manuel Rivera entra a far parte del collettivo e l'anno successivo Manuel Viola.

I membri del gruppo si sono impegnati a creare un ambiente che permettesse lo sviluppo creativo al di fuori dei formalismi stabiliti nelle belle arti. Mentre la maggior parte di questi artisti si concentravano sull'astrazione, tutti rifiutavano le etichette imposte e l'uso di termini come concettuale, costruttivismo, espressionismo... credevano nella libera creazione e nella ricerca senza confini.

Così, l'arte d'avanguardia spagnola è diventata sinonimo di anticonformismo, di rottura e ribellione. Queste preoccupazioni si riflettevano in questi artisti attraverso le loro opere, il cui nesso comune era l'importanza del gesto e del tratto e la riduzione volontaria dell'uso dei colori al minimo. È anche importante notare che per questo gruppo il valore storico del paese è stato criticato e che tutti loro hanno sollevato un rimodellamento della scena artistica basato sulla tradizione. In questo modo, possiamo vedere come materiali grezzi come il ferro, la tela di iuta, la tela di pollo, la sabbia o l'impasto di vernice riflettano la disperazione, l'aggressività o la solitudine, patrimonio della Spagna più oscura di Goya.

El Paso aveva solo tre anni di esistenza, tuttavia, era prolifico e internazionale come pochi gruppi spagnoli sono stati nella storia. Sebbene la sua informalità fosse il punto d'attaccamento, non hanno mai fatto una critica esplicita al regime politico e, non costituendo una minaccia per il governo, sono diventati i grandi ambasciatori della cultura spagnola del momento.

Nel suo primo anno di vita gli artisti hanno tenuto molte mostre nel paese, la prima è stata nella galleria-libreria Buchholz di Madrid e quest'estate Millares e Rivera hanno assistito, a nome del gruppo, alla quarta Biennale di San Paolo Feito. Lì, Jorge Oteiza ottiene il Premio della Critica come miglior scultore e si conferma che l'arte spagnola è di moda. Tanto è vero che il MOMA di New York acquisisce varie opere di questi artisti. Alla fine del 1957 Suárez, Francés, Rivera e Serrano lasciano il gruppo.

Nei due anni successivi, fino al suo scioglimento, numerose mostre in musei e gallerie, conferenze e scritti daranno impulso all'arte spagnola, sia a livello nazionale che internazionale. Dopo un'intensa attività e 15 lettere firmate, El Paso decise di porre fine alla sua esistenza nel maggio del 1960.

Come molti artisti dell'epoca, i componenti di El Paso svilupparono ciecamente la loro creatività in un momento in cui il passaggio alla modernità sembrava non arrivare mai. Come altri artisti dell'informalismo, essi fecero da ponte tra la tradizione e le nuove tendenze dell'avanguardia radicale. Ma questo non è avvenuto solo in Spagna. La capitale dell'avanguardia era a Parigi e l'espressionismo astratto americano ha dato il meglio di sé. I membri di El Paso non solo hanno rivoluzionato il settore e lo hanno spinto, ma hanno anche aperto le menti della società spagnola suscitando l'interesse di artisti internazionali come Mark Rothko, Willem de Kooning, Franz Kline o Robert Motherwell.

Blog posts