Street art, much more than graffiti - artetrama

Street art, much more than graffiti

, di Artetrama, 8 tempo di lettura minimo

Questi ultimi anni di crisi economica hanno avuto un peso in tutti i settori e, anche se Christies o Sotheby's hanno battuto i record storici delle aste, il fatto è che l'arte ha sofferto molto. Molte sono le gallerie che sono state costrette a chiudere perché le cattive vendite non sono riuscite a coprire le spese.

Questi ultimi anni di crisi economica hanno avuto un peso in tutti i settori e, anche se Christies o Sotheby's hanno battuto i record storici delle aste, il fatto è che l'arte ha sofferto molto. Molte sono le gallerie che sono state costrette a chiudere perché le cattive vendite non sono riuscite a coprire le spese. Forse questo sfondo di crisi ha incoraggiato la strada come nuova vetrina per chi sente una maggiore passione per l'arte, un'avida creatività e non ha bisogno di altri materiali al di fuori di quelli a portata di mano.

Anche se è ancora inevitabile per molte persone associare l'arte urbana o street art al vandalismo, non dimentichiamo che nella maggior parte dei paesi è illegale, la verità è che la nostra mente sta cambiando. È un po' paradossale il fatto che molti artisti stiano accumulando multe per aver eseguito opere senza permesso e le paghino grazie al restauro degli spazi pubblici curato dai consigli comunali che li sanzionano. E anche se è così che dovrebbe essere, è tale l'ascesa dell'arte urbana, sempre più conosciuta e sostenuta dai cittadini, che molte città stanno cercando di controllare questa attività. Per esempio, il consiglio comunale di Buenos Aires fornisce agli artisti i permessi per poter utilizzare gli spazi pubblici per esprimersi senza che il materiale necessario per sviluppare le loro opere costi più elevati.

Non smetteremo di sforzarci di saperne di più su questo movimento artistico e di condividere le nostre scoperte con il lettore. Nel nostro precedente articolo Sette ragioni per credere nell'arte urbana abbiamo intravisto la nostra debolezza per le street art e in questo post ci scaveremo un po' più a fondo, dato che ci sono molti artisti che vi si dedicano, e ognuno ha il suo stile. Di seguito daremo alcuni brevi esempi dei diversi tipi di stili di arte urbana che possiamo trovare. Il nostro obiettivo qui non è quello di etichettare nessuno, ma di spiegare le molte forme o arti che ogni cittadino può vedere sulle mura della città.

Quando parliamo di arte urbana è molto comune mescolare le semplici firme che troviamo in molti luoghi della città con la street art. In misura maggiore l'arte urbana non ottiene il dovuto riconoscimento per questo fatto. È abbastanza comune trovare firme che rovinano le facciate locali o le vetrine dei negozi che non portano altro che ego al suo creatore. Non considereremo questi graffiti né la street art, ma il vandalismo. Vogliamo affermare che l'arte urbana è creativa, è costruttiva, richiede grandi capacità e ha il suo scopo nel pubblico.

L'arte urbana ha la sua essenza nell'utilizzo di murales o muri di qualsiasi città come mezzo per le sue creazioni. Ma, considerando il soggetto o la tecnica dell'opera, possiamo parlare dell'uno o dell'altro tipo di street art.

Considerando il soggetto

Tagging:

Conosciuto anche come graffiti tagging, è l'origine dell'arte di strada. Negli anni '60 Darryl McCray realizzò il primo dipinto usando il suo alias Cornbread per conquistare l'amore di una ragazza che riempiva la città di Philadelphia con una frase che diceva "Cornbread loves Cynthia". Finalmente ha conquistato la ragazza e ha attirato l'attenzione della stampa, così ha deciso di continuare a timbrare il suo nome e ha creato una tendenza. È stato il primo, ma da allora i graffiti si sono notevolmente evoluti. Gli artisti attuali esplorano lo sviluppo della firma, nella forma e nel colore, e per questo meritano la nostra attenzione. Il più grande "nemico" pubblico di Banksy, King Robbo, è un chiaro esempio di graffiti tagging. L'inglese Ben Eine, ha sviluppato questo stile di graffiti al punto che il suo lavoro si concentra in un font creato dall'artista, e lo studia in base alla composizione delle lettere in diversi colori, sfumature e forme.

Critica sociale:

Molti sono gli artisti che hanno suscitato polemiche e agitazione nelle loro opere. È noto il caso di Banksy che è diventato il massimo standard di questo stile. Ma non è una novità; artisti come Jean-Michel Basquiat e Keith Haring hanno mostrato la loro critica al razzismo e all'omofobia per le strade di New York. Il muro di Berlino, mentre era in piedi, è diventato una tela su cui combattere la Guerra Fredda. Blek le Rat, considerato il padre dei graffiti a stencil, è un altro esempio di artista che usa la street art per la critica sociale. Infatti lo stesso Banksy riconosce l'influenza di questo artista: "ogni volta che penso di aver fatto qualcosa di minimamente originale scopro che Blek le Rat ha fatto lo stesso, solo vent'anni prima". Molto noto per il suo attivismo è anche l'artista Shepard Fairey, che esprime nelle sue opere il suo dissenso verso le questioni ambientali, le sue preoccupazioni per la violazione dei diritti umani o mostra il suo sostegno a personaggi pubblici in situazioni di ingiustizia come Ai Weiwei o Aung San Suu Kyi.

Freestyle:

Molti artisti urbani creano le loro opere per esprimere le loro emozioni e trasmetterle allo spettatore. Queste non hanno un messaggio diretto al di là del senso personale che ogni individuo trova. La stragrande maggioranza di queste opere d'arte si trova in spazi abbandonati e in decadenza e grazie ad esse questi luoghi tornano a vivere e a recuperare un senso. Ad esempio, l'artista norvegese Martin Whatson ha una predilezione per questi spazi e possiamo certamente dire che il suo lavoro recupera la bellezza che quelli persi nel tempo. Artisti come Snik cercano grandi murales per creare opere più grandi che abbelliscano definitivamente il paesaggio urbano.

Astratto:

L'astrazione ha il suo posto nell'arte urbana. Artisti come José Parlá o Smash137 hanno già un grande apprezzamento tra i collezionisti d'arte e le loro opere sono state esposte in importanti gallerie. La calligrafia e la pittura spray derivano da tratti, linee e forme che si intrecciano con il mezzo.

3-D:

La firma e l'astrazione si fondono in questo tipo di opere che sembrano voler uscire dal muro. L'effetto prodotto dal lavoro di artisti come Daim e Peeta è davvero sorprendente. Con un'abilità impressionante nell'uso dello spray, creano forme, colori e sfumature che ingannano lo sguardo, ottenendo un effetto ottico spettacolare.

Considerando i media

Stencil:

Come già detto, Blek le Rat è stato il primo ad usare i modelli per catturare le sue creazioni per le strade di Parigi. Trattandosi di un atto illegale, forse per evitare di essere catturato dalle autorità, questa tecnica è nata dalla necessità. L'opera viene preparata in anticipo e una volta scelto il luogo, l'artista deve solo spruzzarla nel supporto con l'uso di sagome. Artisti come Banksy, Shepard Fairey e Mr. Brainwash sono oggi i più popolari. Altri artisti come Martin Whatson o Snik usano questa tecnica e poi aggiungono la loro rifinitura a mano. L'artista Roamcouch porta questa tecnica al limite e le sue opere richiedono un gran numero di modelli che, una volta sovrapposti, creano un'immagine estremamente dettagliata ed elaborata.

Sticker bombing:

In sostanza l'artista crea in precedenza degli adesivi che vengono poi posizionati in diverse parti della città. Il termine si riferisce a un "bombardamento" proprio perché l'artista non pretende di catturare una singola immagine ma cerca di "invadere" la città con un gran numero di essi. Questo assicura di attirare l'attenzione come se si trattasse di una campagna di marketing. La maggior parte degli artisti che utilizzano questa tecnica lo fanno per farsi conoscere e acquisire notorietà. Lo stesso Shepard Fairey ha raggiunto gran parte della sua fama incollando immagini di André il Gigante in molte città degli Stati Uniti.

Scratching:

In questo caso, con l'aiuto di uno scalpello o di uno strumento simile l'artista strappa il materiale nel muro per creare l'immagine. L'artista portoghese Vhils o il gruppo madrileno Boa Mistura sono buoni esempi dell'uso di questa tecnica.

Installazioni:

È sempre più comune vedere in alcune città elementi discordanti nell'arredo urbano. Non si tratta di vandalismo, sono installazioni che artisti come il madrileno SpY hanno messo davanti ai nostri occhi. A volte modificano semplicemente l'arredo urbano e altre volte aggiungono solo elementi che ci lasciano perplessi. Questo è sicuramente un buon modo per arrivare al cittadino più attento.

Mosaico:

Recuperando l'arte dell'Antica Roma artisti come il francese Invader hanno creato le loro opere da piccole lastre che combinate insieme formano un'immagine.

Freestyle:

Per quanto riguarda la tecnica, questo metodo si basa sull'uso libero della vernice spray, per cui l'artista si limita a giocare con le proprie capacità per creare l'opera.

La maggior parte di questi artisti urbani ha pubblicato le proprie stampe. Usando questo mezzo di comunicazione hanno raggiunto un pubblico ancora più vasto e sono molti quelli che possiedono serigrafie e litografie in edizione limitata e se le godono a casa loro. Non è necessario vivere a Los Angeles per vedere l'opera di Mr. Brainwash, visitare Parigi per essere sorpresi dai mosaici di Invader o andare in Norvegia a godersi le creazioni di Whatson. Possiamo acquistare le opere stampate di questi artisti, ad esempio, ad Artetrama.

Blog posts