Le super eroine di Sandra Chevrier

Le super eroine di Sandra Chevrier

  • Artetrama

Le ultime opere di questa artista canadese sono chiaramente identificate dai suoi ritratti di donne con "pelle" comica. In questo articolo esamineremo il lavoro di questa artista.

La sua serie "Super Hero Cages" ha portato Sandra Chevrier nell'elite delle tendenze del momento. Ci sta. E il fatto è che Sandra sa come combinare perfettamente l'estetica della bellezza femminile con il mondo dei supereroi comici come nessuno sa fare. Le opere che appartengono a questa serie sono di innegabile bellezza, sono di classe e trasmettono un messaggio. Possiamo trovare molteplici creazioni di questa artista in molti mezzi, dato che ha sviluppato le sue opere con mezzi misti, oltre che con la stampa in edizione limitata in giclée e serigrafie.

Tutte le opere di "Les cages" ci mostrano donne bellissime avvolte nei fumetti di Batman, Superman, Lanterna Verde... e il messaggio sembra essere chiaro: con le esigenze estetiche imposte alle donne di oggi, sembra necessario fare miracoli per adattarsi agli standard di bellezza della nostra società e avere superpoteri per raggiungere queste aspettative.

Ma se guardiamo un po' più in là, vediamo che ciò che l'artista vuole trasmettere non è solo questo. Sinonimi per gabbie potrebbero essere prigione, scatola, recinto. Queste donne possono essere rinchiuse dietro le sbarre in cui tutti noi possiamo finire intrappolati, uomini e donne, e quelle sono le sbarre delle nostre stesse richieste; i nostri complessi possono limitarsi a un punto in cui non realizziamo i sogni a cui aspiriamo. Abbiamo tutti una bellezza interiore che può essere rinchiusa dietro le porte delle nostre emozioni.

Nonostante il tema del suo lavoro che molti hanno etichettato come femminista, questo non è il discorso che Sandra Chevrier vuole fare. Il messaggio è universale; è solo che si sente più a suo agio nell'esprimere la sua emozione attraverso la figura femminile, attraverso le espressioni dei suoi occhi, la sensualità delle sue labbra o il tocco delicato delle sue mani. Gli uomini hanno gli stessi confini e le stesse frontiere delle donne e il fatto che le piaccia di più presentare le donne nelle sue opere non è altro che pratica, istinto, è solo più brava a ritrarre i corpi femminili.

È interessante conoscere anche il concetto che Sandra Chevrier ha dell'estetica. Molto giovane sapeva di avere la capacità di creare immagini bellissime. È consapevole che la bellezza delle immagini che crea è la prima cosa che cattura lo spettatore. Come nella vita di tutti i giorni, tutti noi tendiamo a concentrarci prima di tutto su ciò che ci attrae, su ciò che ci piace. È qui che lei usa il suo "gancio" per catturarci, ma se il resto dell'opera non conta e non trasmette, l'opera cadrebbe nell'oblio e non farebbe differenza.

Il lavoro di questa artista è profondo, spirituale, pieno di emozioni. Nella serie precedente a "Les cages", chiamata "Drames en couleur", Sandra ha rappresentato elementi religiosi come Buddha, totem o dee insieme a elementi architettonici o oggetti della società moderna e animali selvatici. I colori vividi di queste opere catturano, ancora una volta, la nostra attenzione per condurci a una riflessione personale interiore. L'equilibrio estetico tra questi elementi ci invita a meditare su come le nuove tecnologie e il consumismo quotidiano ci influenzano e su come si inimicano, a volte, i nostri valori culturali, rappresentati iconograficamente da elementi teologici, e con i nostri sentimenti e le emozioni più istintive. Come nelle opere di questa serie, ognuno di noi cerca di mantenere un equilibrio secondo ciò che è più importante per noi, un equilibrio tra il materiale, il divino o il naturale.

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

Loading...