Fernandez Arman

Armand Pierre Fernandez è nato a Nizza, Francia, il 17 novembre 1928. Suo padre, Antonio Fernandez, era un pittore antiquario e dilettante; gli ha insegnato le basi della fotografia e a lavorare con la pittura a olio. Nel 1946 iniziò i suoi studi artistici all'École Nationale des Arts Décoratifs della sua città natale. Contemporaneamente, Arman frequenta lezioni di judo in cui conosce Yves Klein e Claude Pascal. Nel 1949 si trasferisce a Parigi per studiare archeologia e arte orientale all'École du Louvre.

Sebbene nei suoi inizi Arman abbia mostrato un grande interesse per l'arte astratta, il suo principale riferimento e fonte di ispirazione è stato il dadaista Kurt Schwitters. Questo artista avrebbe segnato uno stile caratterizzato dall'"accumulazione" di oggetti uguali. Nel 1958 tenne la sua prima mostra personale alla galleria parigina Isis Clert dove mostrò quelli che Arman chiamava i suoi "Cachets". Si trattava di francobolli e pezzi di tessuto incollato che formavano un insieme. Il suo nome artistico Arman (che deriva dal suo nome di battesimo Armand) è un cenno al pittore Vincent Van Gogh, che ha sempre firmato le sue opere come Vincent.

Nel 1960 Arman firmò il primo manifesto del gruppo dei "nuovi realisti" insieme ad altri artisti francesi come Yves Klein, François Dufrêne, Raymond Hains, Martial Raysse, Daniel Spoerri, Jean Tinguely e Jacques Villeglé e il critico e filosofo Pierre Restany. Un anno dopo a questo gruppo si aggiungeranno altri artisti dell'epoca come César, Mimmo Rotella e Christo.

A questo punto Arman aveva una visione molto particolare dell'arte. Sviluppò due tipi di creazioni che divennero due concetti chiave del lavoro dell'artista: "accumulazioni" e "poubelle" (in francese significa "bidone della spazzatura"). Gli accumuli consistono in collezioni di oggetti identici mescolati con poliestere o acrilico conservati in casse di plexiglas, mentre "poubelle" è la raccolta di detriti sparsi in uno spazio.

Nel 1961 si trasferisce negli Stati Uniti e stabilisce la sua residenza a New York. Lì Arman inizia a lavorare su tre nuovi concetti. Le "coupé" che consistevano nel tagliare gli oggetti e poi rimontarli su un portacampioni, le "colères", oggetti fatti a mano fracassati e poi ricostruiti su pannelli di legno e "combustions", oggetti bruciati i cui resti formavano l'opera. Con queste composizioni Arman ha dato una svolta a 180 gradi alla creazione artistica attraverso la distruzione.

Con il passare del tempo nel suo studio di New York, nel corso degli anni, Arman ha "accumulato" sempre più oggetti disparati, dai gioielli agli orologi, agli utensili. Nel 1970 la fabbrica di automobili della Renault commissionò ad Arman la costruzione di una scultura per la fiera di Osaka, che consisteva nell'accumulare varie parti di automobili. Alcune di queste sculture erano alte solo pochi centimetri, alcune di alcuni metri.

Arman ha ottenuto la cittadinanza americana nel 1973, affermando nella sua carta d'identità Armand P. Arman.

Le sculture più importanti basate su questi accumuli dell'opera di Arman si possono vedere in "Long Term Parking", che si trova nel Château de Montcel francese e che è stato completato nel 1982. Consiste nella sovrapposizione di un massimo di 60 auto assemblate con cemento e misura 18 metri di altezza. Più tardi, nel 1995, Arman è stato incaricato dal governo libanese di realizzare una scultura per commemorare il 50° anniversario del servizio militare nel Paese. Quest'opera, intitolata "Speranza di pace", Arman ha superato il suo record. Si tratta di una collezione di carri armati e veicoli dell'esercito incollati con cemento i cui canyon puntano verso l'esterno dell'opera, che cresce fino a 32 piedi di altezza.

Arman è morto nel 2003 a New York, ma le sue ceneri sono sepolte a Parigi.

Showing: 5
Rien ne bat plus
Prezzo regolare390,00 €
    Inside story
    Prezzo regolare390,00 €
      Hypored
      Prezzo regolare390,00 €
        Gothic
        Prezzo regolare390,00 €
          Loading...