5 motivi per diventare un collezionista di stampe d'arte

5 motivi per diventare un collezionista di stampe d'arte

  • Artetrama

Ci sono molte tecniche di creazione artistica. Dalla pittura alla scultura, dalle installazioni alla video arte, il mondo delle belle arti è molto ampio. Ma all'interno delle arti possiamo trovare anche la stampa, che a sua volta forma una vasta gamma di tecniche e procedure. Nel nostro post "Tutto quello che dovete sapere per l'acquisto di stampe d'arte" abbiamo parlato di questo tipo di opere. Ora, in questo post daremo buone ragioni per iniziare una collezione di stampe d'arte.

  1. Prezzi accessibili a tutti

Sì, si può collezionare arte senza spendere cifre astronomiche. A volte, il non sapere dell'esistenza delle opere grafiche fa sì che molte persone interessate all'arte non pensino nemmeno alla possibilità di avere un'opera originale in casa propria.

Molti sono i fattori che influenzano il prezzo di un'opera. Nel caso delle stampe il supporto utilizzato, il numero di copie che compongono l'edizione o le dimensioni dell'opera possono essere alcune caratteristiche da considerare quando si effettuano acquisti. Ovviamente è la richiesta dell'artista a determinare il prezzo dell'opera. Possiamo acquistare le serigrafie di Shepard Fairey per 50 dollari, ma anche per 1000 dollari. La dimensione, l'edizione, la firma o l'anno, sono la chiave per valutare il lavoro di qualsiasi artista.

  1. Può essere un investimento molto redditizio

Come abbiamo accennato nel nostro articolo "La ribellione come motore della creazione artistica nel XX secolo", Andy Warhol ha rivoluzionato il mercato dell'arte utilizzando l'industria della stampa per creare alcune delle sue opere più importanti. In quegli anni molte di queste opere in edizione limitata erano accessibili al cittadino medio. Le stampe da lui realizzate con la Fabbrica nel 1967 vengono oggi vendute a partire da 100.000 dollari l'una e un portafoglio completo composto da 10 Marilyns può costare un milione e mezzo di dollari.

Solo pochi anni fa Banksy ha venduto alcune delle sue stampe serigrafiche come "Christ with Shopping Bags" (Cristo con le borse della spesa) o "Love is in the air" ('amore è nell'aria) rispettivamente per 500 e 100 sterline. L'impatto mediatico che questo artista urbano ha avuto nell'ultimo decennio ha portato a una tale richiesta che le stesse serigrafie hanno raggiunto prezzi di vendita di 20.000 dollari ciascuna quando sono state messe all'asta a Bonhams nel 2012. Il valore di Banksy è aumentato così tanto che possiamo trovare stampe non numerate e non firmate in gallerie per diverse migliaia di euro. Non dobbiamo tralasciare il fatto che le opere di molti artisti emergenti di oggi possono valere una fortuna in futuro.

  1. Possiamo trovare una guida nei cataloghi raisoneés

Se avete interesse ad avviare una collezione di stampe d'arte, può essere travolgente avere un eccesso di informazioni: stili, artisti, gallerie ... A volte è difficile sapere da dove cominciare e stabilire un obiettivo.

Molti artisti hanno un proprio catalogo di opere grafiche. In questi cataloghi è specificato l'anno, la stampante e/o l'editore e le caratteristiche più importanti di ciascuno. Il collezionista può consultare questi cataloghi e assicurarsi che ciò che sta acquistando corrisponda a quanto specificato. I cataloghi ci aiutano a strutturare e organizzare la nostra collezione. Possono anche essere uno strumento molto utile, non solo per conoscere meglio un'opera specifica, ma anche per conoscere meglio l'opera grafica completa di un artista.

  1. Più supporti per focalizzare la collezione<

L'incisione, la serigrafia, la litografia... non è insolito trovare collezionisti che acquistano solo opere di una particolare tecnica. Le finiture variano e ogni supporto non è padroneggiato da tutti gli artisti. Ad esempio, artisti come Antoni Clavé o Andrés Nagel sono considerati maestri incisori per l'uso impressionante dell'incisione. Le litografie di Takashi Murakami sono note per le finiture molto raffinate e per l'utilizzo nelle sue creazioni di procedimenti moderni non così convenzionali. Martin Whatson ha modificato a mano alcune delle loro edizioni limitate e ha un collezionista di profili interessato solo ad acquistare queste opere. Pure Evil, anche con un gran numero di fedeli collezionisti, realizza le sue serigrafie della serie "Nightmares" utilizzando sempre la stessa carta con le stesse misure, pensando solo a chi colleziona le sue stampe.

  1. Capacità di acquisire opere molto esclusive

Come detto, uno dei fattori che influenzano il prezzo della stampa è il numero limitato di stampe in edizione. Ma questo è un valore relativo, in quanto potrebbe essere un grosso problema per un artista, ma potrebbe non esserlo per un altro con una maggiore richiesta. Inoltre, molti artisti lavorano individualmente su ciascuna delle copie dell'edizione, quindi attraverso l'incorporazione di supporti aggiuntivi come l'acrilico e il collage, conferiscono a ciascun numero una maggiore esclusività che conferisce a ciascuna stampa un carattere unico.

Oltre a queste, ci sono molte altre ragioni per cui sempre più persone si impegnano a realizzare la propria collezione di stampe d'arte. La varietà delle tecniche, i tanti stili diversi e la difficoltà di trovare alcuni pezzi rendono questa attività davvero entusiasmante.

Loading...